ostianticateatro

Clicca qui per modificare il sottotitolo

12 Settembre 2016, ore 21
Carmina Burana

SPELLBOUND CONTEMPORARY BALLET

coreografia e set concept Mauro Astolfi
interpreti Maria Cossu, Mario Laterza, Giuliana Mele, Claudia Mezzolla, 
Giovanni La Rocca, Giacomo Todeschi, Serena Zaccagnini, Violeta Wulff Mena, Fabio Cavallo 
musiche Aleksandar Sasha Karlic, Carl Orff, A. Vivaldi 
disegno luci Marco Policastro 
scene Stefano Mazzola 
costumi Sandro Ferrone 
una produzione Spellbound 
realizzata con il contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali Dipartimento dello Spettacolo e dell’Azienda Autonoma Soggiorno e Turismo di Maiori nell’ambito dei Grandi eventi della Regione Campania riallestita in collaborazione con Madrid en Danza 2010 e Panama Prisma International Contemporary Dance Festival 2014.


La scelta dei Carmina Burana per la Spellbound Contemporary Ballet  nasce da un desiderio di reinterpretare dei canti che sempre hanno conquistato una propria autonoma dignità teatrale in sede concertistica per la loro dirompente vitalità e ritmo. La danza testimonia e cerca di fondere la sua forza narrativa con quella della musica come a riunire e a completare lo spirito dei Carmina. Nella raccolta, accanto a versi che esaltano il vino e l’amore, altri cantano la natura, altri condannano la dissolutezza del clero del tempo o incoraggiano le fanciulle a godere del piacere dei sensi. Alcuni versi richiamano all’amore ingenuo e popolaresco, o lodano la taverna. Non mancano infine “canti crociati” con violenti attacchi alla corruzione del tempo e alla avidità di denaro: temi che esprimono grande vivacità di sentimenti ma che sottendono anche un’inquietudine spirituale e una forma di pessimismo. Il balletto di Mauro Astolfi traccia un percorso tra i sentieri dei Carmina come mezzo di espressione dello spirito inquieto dei goliardi,come fosse la loro poesia.


Spellbound, eccellenza della danza italiana  nel mondo ha infatti rappresentato questo spettacolo in Thailandia, Cipro, Germania, Svizzera, Lussemburgo, Spagna, Panama e prossimamente in Canada.  Coprodotta in collaborazione con l'Azienda Autonoma  Soggiorno e Turismo di Maiori nell'Ambito dei Grandi Eventi della Regione Campania  l'opera festeggia esattamente nel settembre 2016 dieci anni dal debutto e viene qui rappresentato nell'ultima versione  messa in scena per Prisma International Contemporary Dance Festival di Panama.


"Con la Spellbound contemporary ballet è veramente "Danza d'autore."
"[...] Geniale per invenzione e plasticità del linguaggio corporeo contemporaneo, ardito nelle tensioni dinamiche tra le figure ed il contesto scenico - spaziale. Fra gli spettacoli più belli ed intensi recentemente proposti dal mondo della danza italiana finanziata dallo Stato"
Corriere del Mezzogiorno, Paola De Simone

BIO / Spellbound contemporary ballet 

Spellbound Contemporary Ballet nasce nel 1994, dietro volontà del coreografo Mauro Astolfi che fonda la Compagnia al rientro da un lungo periodo di permanenza artistica negli Stati Uniti. A partire dal 1996 Astolfi condivide il progetto produttivo con Valentina Marini con cui la Compagnia avvia un processo di intensa internazionalizzazione e di collaborazioni trasversali. 
Competitiva per la modernità dei programmi e per il ricco repertorio sempre attivo, la Compagnia è di sicuro tra le proposte artistiche italiane maggiormente apprezzate sul piano dell’offerta culturale internazionale (con  tour in Serbia, Germania, Francia, Croazia, Cipro, Thailandia, Svizzera, Spagna, Austria, Bielorussia, Stati Uniti, Israele, Inghilterra, Spagna, Svezia, Panama, Canada,  Russia, Corea e presto in Messico, Giappone, Taiwan e  Cina) , è  attiva da sempre in progetti di scambio e network in collegamento con la più fertile scena artistica europea . 
Alla produzione di spettacoli di danza l’ensemble ha unito da sempre e con sempre maggiore interesse progetti di formazione ed educazione sia del pubblico che dei danzatori . La Compagnia ha cosi posto negli anni le basi di un percorso dove il divario tra spettatore, amatore e artista si è fatto sempre più sottile, alimentando attraverso venti anni di seminari e workshop una filiera creativa che ha avvicinato al palcoscenico migliaia di danzatori e curiosi e consolidando questo processo ha dato luogo a un autentico vivaio in termini di formazione in rapporto dialettico con la Compagnia. 

Dopo l’appuntamento al Teatro di Ostia Antica la Compagnia volerà  in Messico al Santa Lucia Dance Festival di Monterrey e in Asia per la performance  di apertura del Taichung National Theater , prima Opera House realizzata nell’isola di  Taiwan e disegnata dal celebre architetto Tojo Ito.